ESTEROMETRO 2019

Le nostre EXPERTISE: consulenza, pianificazione e sviluppo

In conseguenza dell’entrata in vigore dell’obbligo relativo fatturazione elettronica tra privati, da gennaio 2019 sarà introdotto in Italia un nuovo adempimento che ha lo scopo di comunicare mensilmente all’amministrazione finanziaria tutte le operazioni non soggette a fattura elettronica, poste in essere nei confronti di soggetti non residenti nel territorio dello stato. Il cosiddetto “esterometro”.

Di fatto l’esterometro è una comunicazione in cui sono riepilogate le cessioni di beni e le prestazioni di servizio effettuate e ricevute verso e da soggetti non residenti e non stabiliti nel territorio dello Stato. La comunicazione non è obbligatoria per le predette operazioni per le quali è stata presentata una dichiarazione doganale (cioè è stata emessa una bolletta doganale) oppure per le quali siano state emesse e ricevute fatture elettroniche.

Questo nuovo adempimento comporterà anche la comunicazione di tutte le operazioni che per ora vengono comunicate mediante dichiarazioni Intrastat, andando così a sostituire la comunicazione trimestrale (semestrale) delle operazioni rilevanti ai fini Iva (c.d. spesometro).

Le informazioni che dovranno essere comunicate mensilmente sono di seguito riassunte:

  • i dati identificativi del cedente/prestatore o cessionario/ committente;
  • data del documento che accerta l’operazione;
  • data di registrazione;
  • numero del documento;
  • base imponibile;
  • aliquota iva e imposta o tipologia di operazione qualora non fosse soggetta ad iva.

Il file nel formato Xml che dovrà essere trasmesso all’Agenzia delle Entrate dovrà essere firmato digitalmente dal responsabile dell’invio (soggetto obbligato/delegato), oppure nel caso di invio tramite upload sull’interfaccia web del servizio “Fatture e corrispettivi”, il file dovrà presentare il sigillo elettronico dell’Agenzia delle Entrate.

Le nostre EXPERTISE: consulenza, pianificazione e sviluppo

le nostre attività in ABCF